Luca Tazzari

si diploma nel 2016 alla “Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi” di Milano nel corso “Autore Teatrale” dove ha modo di studiare ed elaborare testi originali assieme a personalità quali: Renato Gabrielli, Renata M.Molinari, Franco Brambilla, Giovanni Covini, Tatiana Olear, Davide Carnevali, Lucia Calamaro. Nel corso dei tre anni accademici sviluppa una predilezione per il teatro post-drammatico e i canoni non-aristotelici della scrittura teatrale da cui nascono diversi lavori uno dei quali “Oggi gli immigrati, domani gli spalatori di neve” viene messo in scena all’interno degli spazi della Paolo Grassi nell’ambito del progetto europeo “Terre Promesse: Bussole Rotte”. Sempre all’interno del progetto “Terre Promesse” segue le lezioni sulla performance assieme ai ragazzi dell’accademia di belle arti di Scutari, Albania, tenute da Adrian Paci e nella città esegue tre performance, come esito del progetto. Dopo l’accademia segue un percorso eclettico: studia la decorazione della maiolica presso la bottega “Ceramiche Artistiche” di Irina Glushkova e poi autonomamente le varie lavorazioni della ceramica nel medioevo, nel neolitico e nelle culture precolombiane e africane; gira il cortometraggio “San Giorgio e il Drago” scritto dallo stesso e interpretato assieme a un cast di attori professionisti e non; esegue le illustrazioni per la lettura scenica di “Minotauropatia: ritratto di famiglia” di Valeria Patota, avvenuta a Madrid. Tuttora lavora alla scrittura di uno spettacolo sulla musica blues assieme al musicista e scenografo Federico Maugeri. Dall’anno accademico 2018/19 è docente di drammaturgia e storia del teatro presso Accademia56 di Ancona.